Venditori di sogni, venditori di stelle

universo stellato

Stimatissimi lettori, ciò che mi appresto a presentarvi oggi probabilmente allargherà i vostri orizzonti e vi fornirà dei validi spunti imprenditoriali. In questo articolo io vi dirò come comprare una stella e quanto costa: ovviamente il tutto sarà condito dal commento Ecomostro, cult di questo blog.

L’idea di condurre una ricerca su come comprare una stella, cosa significa “acquistarla” (giacchè essendo situata nello spazio ahime non possiamo esercitarne il diritto di proprietà) e quanto costa, mi è venuta guardando una recenzione di Yotobi, amore 14, nella quale per l’appunto si solleva le questione.

La società leader nel settore di venditori di stelle è la tedesca Venture Base GmbH, raggiungibile al sito www.regalareunastella.org, il nostro volgare imitatore italiano invece lo trovate all’indirizzo www.comprareunastella.org. Il prezzo medio di una stella è di circa 130 euro.

Ovviamente, a seconda della posizione della stella nella galassia il prezzo cambia. Dico ovviamente? Già, ovviamente perchè più la stella è luminosa e più vi costa, fino ad un massimo di 200 euro.

E’ giusto che vi informi che una volta che ve le hanno vendute, le stelle, non sono restituibili ne rimborsabili: quindi ve le tenete. Vi incollo le info precise che fornisce la società tedesca:

  1. Secondo l’articolo  355 del Codice Civile Tedesco (BGB), un acquirente ha diritto a recessione/rimborso nei 14 giorni successivi.

  2. Secondo l’articolo  312 paragrafo (4) del Codice Civile Tedesco (BGB), dal diritto al rimborso si escludono i prodotti fabbricati individualmente secondo le specificazioni del cliente. Conseguentemente, si notifica al cliente che il nome di una stella, ed i materiali stampati prodotti individualmente per il cliente rientrano in questa eccezione e, pertanto, non esiste diritto legale alla recessione/rimborso.

Quindi, prima di decidervi nella vostra romanticheria, siate sicuri che la stella in questione sia di gradimento della vostra metà perchè al 99% non verrete rimborsati.

Ma cosa vuol dire comprare una stella?

Io pensavo che comprare una stella significasse dare il proprio nome ad un piccolo astro nel nostro firmamento. Magari bloccare quel nome per sempre, od anche per soli 100 anni, così che tutti coloro che facessero ricerche su quella determinata stella potessero scoprire che era mia (o comunque avesse il mio nome). E invece no! La verità la trovate nascosta in piccolo nei  Termini e Condizioni che trovate sul sito del venditore. Ve ne presento un estratto:

Il “battesimo della stella” portato a termine dal venditore viene registrato in un registro privato. Non ci sarà un battesimo ufficiale, il “nome simbolico della stella” dato tramite il “battesimo della stella” non farà parte di nessuna catalogo o mappa stellare scientifica.Il cliente non otterrà alcun diritto sulla stella o sul suo nome ufficiale o designazione. Il venditore offre dei nomi simbolici (il nome della stella) ad alcune stelle che vengono selezionate dai clienti.

La stessa stella può essere battezzata in più occasioni dal venditore visto che non c’è la possibilità di conoscere i dati di altri venditori che offorno lo stesso servizio di “battezzamento delle stelle.” Il venditore si riserva il diritto di battezzare le stelle in varie occasioni. Il venditore non offre alcuna garanzia rispetto al fatto che una data stella non sia già stata “battezzata” da un altro venditore o che non sarà “battezzata” in futuro da altri. Di conseguenza la possibilità che una stella sia “battezzata simbolicamente” in differenti occasioni da differenti venditori che offrono questo servizio deve essere presa in considerazione.

Il che significa, molto semplicemente, che stiamo acquistando aria fresca, fuffa, odore di fritto. In pratica chiunque può vendere stelle, pianeti e galassie, giacchè la vendita non ha alcun valore e non viene riconosciuta da nessuno. Perfino sullo stesso sito possiamo acquistare un numero illimitato di volte la stessa stella.

Quando l’ ho scoperto ho realizzato: solo un idiota comprerebbe una stella. Eppure questi siti esistono e gli sciocchini che non leggono le note legali sono molti e consentono a società simili di esistere. Cosa state aspettando? Aprite anche voi il vostro negozio di stelle, pianeti, galassie e fuffa a non finire.

Si salvi chi può

ecomostro

Combatto per la gioia del lettore, trapassando le infide insidie della scrittura e crogiolandomi in un finale agrodolce.

Un pensiero riguardo “Venditori di sogni, venditori di stelle

  • 30 Dicembre 2014 in 23:12
    Permalink

    Aria fritta aria fritta aria fritta… ne è pieno il web purtroppo!

    STEFANO MANZOTTI

    Risposta

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.