Una nave per salvare vite: la ciurma dei pirati buoni esiste

Kernteam2Quando hai vent’anni ci sono diversi modi di pensare al mare. Alcuni pescano i pesci, altri sognano di essere Pirati Buoni e vivere avventure per il mondo facendo del bene. E’ un po’ quello che hanno fatto dei ragazzi tedeschi, Jakob Schoen e Lena Waldhoff (20 e 23 anni) che, attraverso il crowdfunding, hanno gettato le basi del loro sogno:

Fondano l’associazione Jugend Rettet e raccolgono più di 300.000 euro. Decidono di comprare una nave, rimetterla a nuovo e trasformarla in un’imbarcazione da salvataggio per i migranti che attraversano il Mediterraneo in fuga da guerra e miseria. Una forte volontà di fare qualcosa di concreto per aiutare i migranti, e allo stesso tempo di creare  una sorta di piattaforma di discussione tra i giovani, per promuovere la partecipazione e sviluppare il tema del soccorso in mare e quello delle politiche di asilo. A bordo ci sarà una squadra di professionisti, medici, skipper, e operatori, aiutati da volontari.

In un intervista dichiarano :

“Il nostro obiettivo è semplice: meno morti nel Mediterraneo. Da una parte c’è la nave, impiegata per le missioni di soccorso. Dall’altra, Jugend Rettet vuole costruire una rete europea dedicata ad adolescenti e giovani, che vogliano scambiarsi opinioni e pensieri sul ruolo dell’Europa in questa emergenza umanitaria. In questo modo le persone hanno la possibilità di essere coinvolti nella discussione sulle politiche di asilo”.

jr-logo
il logo jugend rettet. Si, non sembra un logo pirata purtroppo

 

ecomostro

Combatto per la gioia del lettore, trapassando le infide insidie della scrittura e crogiolandomi in un finale agrodolce.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.